Apprezzare la cucina locale italiana

Apprezzare la cucina locale italiana - Apprezzare la cucina locale italiana

Ci sono molte buone ragioni per cui così tanti viaggiatori amano l’Italia. A parte la bellezza delle grandi città d’arte ci sono anche piccoli quanto unici e suggestivi borghi che tra storia antica, splendida architettura e paesaggi incredibili, arrivano via via a essere scoperti.

Dalle Alpi al Mar Mediterraneo, la cucina italiana è per questo motivo considerata una delle più gustose al mondo. Con una tale diversità nel cibo, è impossibile dire quale sia la migliore regione italiana.

Tuttavia sapendo che ognuna ha degli incredibili piatti d’autore da proporre, non è difficile elencarne alcune. Partendo da nord-est citiamo la città di Trieste che come cucina locale propone la Jota ossia uno stufato di influenza slovena, in particolare della costa istriana.

Apprezzare la cucina locale italiana 1 - Apprezzare la cucina locale italiana

Si tratta nello specifico di un piatto realizzato con capuzi garbi (crauti) e le cui origini risalgono a quasi 500 anni. La pietanza viene tra l’altro servita con l’aggiunta di fagioli e patate locali di stagione, salsiccia di Cragno affumicata o di maiale.

Una cucina locale imperdibile da nord a sud

Quando si tratta di cibo, l’Italia ha un incredibile arcobaleno di piatti che variano con ciò che ogni regione rivendica come proprio, con pane, vino, pasta, carne e formaggi che rimangono costanti in ogni cucina locale.

A tale proposito è doveroso citare la città di Bologna conosciuta da molti come la capitale culinaria d’Italia. Il cibo tende pesantemente alla carne e si combina con ingredienti freschi locali per preparare un buon numero di piatti a base di costolette.

La cucina bolognese rivendica anche alcuni dei cibi più iconici di tutta Italia ossia i tortellini e i ravioli nonché specialità uniche come l’aceto balsamico, il parmigiano reggiano e il prosciutto. A sud invece, c’è la regione Campania con Napoli che è il suo capoluogo.

La città non è solo pizza; infatti, la cucina locale propone pasta secca, salsa rossa piccante, frutti di mare e fiori di zucca fritti. I prodotti del mare sono naturalmente presenti in ogni menu, ma Napoli attinge anche alle tradizioni agricole dell’entroterra. La cucina campana è tanto eclettica quanto deliziosa, ed è quella che ha più stelle Michelin di qualsiasi altra d’Italia.

Bookmark the permalink.